Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
 

Rispondono di danno gli ex amministratori della partecipata che hanno impugnato gli atti dell’ente socio

Il Consiglio di amministrazione (ormai decaduto) che oppone una strenua difesa in sede stragiudiziale e giudiziale alla scelta del comune di nominare un Amministratore Unico risponde delle spese illegittimamente sostenute dall’Azienda. Questo il principio espresso dalla Corte dei conti, sez. giur. Toscana, con la sentenza n. 94 depositata il 1° aprile 2016, […]

Leggi tutto »


Spese di personale: il limite è superabile se la legge regionale impone il riassobimento dei dipendenti da parte del comune

Nei casi di trasferimento di personale ad altro ente pubblico derivante dalla soppressione di un ente, obbligatoriamente disposta dalla legge, non si ritiene applicabile il limite assunzionale fissato dalla normativa vigente in materia di spese di personale ai fini del coordinamento di finanza pubblica. La deroga al detto vincolo comporta, tuttavia, il necessario riassorbimento della […]

Leggi tutto »


Partecipate: la dismissione disposta dall’ente socio deve essere recepita dall’assemblea dei soci

L’ente locale socio, che ha deliberato la dismissione di una partecipata senza essere riuscito a vendere le quote, ha diritto a essere liquidato dalla società, ma tale decisione deve essere discussa dall’assemblea della società, che dovrà adottare misure idonee a garantirne l’attuazione. Il legislatore ha disciplinato una forma di liquidazione peculiare rispetto ai presupposti stabiliti […]

Leggi tutto »


Stabilità 2016: torna il tetto al fondo incentivante e vincoli al turn over molto rigidi

Gli enti locali dal 2016 saranno nuovamente assoggettati a stringenti vincoli al turn over e ai fondi per la produttività e incentivazione del personale, compreso quello con qualifica dirigenziale. Dal 2016 tutti gli enti locali saranno assoggettati agli stessi vincoli assunzionali, essendo tutti vincolati al rispetto dei nuovi saldi ed essendo venuta meno la distinzione […]

Leggi tutto »


Le somme erogate in eccesso al personale devono essere recuperate al netto delle ritenute fiscali

Il recupero di emolumenti indebitamente corrisposti ai dipendenti costituisce per l’ente pubblico datore di lavoro è doveroso, esercizio di un vero e proprio diritto oggettivo a contenuto patrimoniale, ex art. 2033 c.c., privo di valenza provvedimentale. L’Amministrazione però non può pretendere di ripetere le somme al lordo delle ritenute fiscali (e previdenziali e assistenziali). Questo […]

Leggi tutto »


Riorganizzazione: il dipendente vanta esclusivamente un mero interesse legittimo

I provvedimenti di inquadramento dei pubblici dipendenti hanno natura di atti autoritativi e, come tali, sono soggetti al termine decadenziale di impugnazione, decorso il quale per il dipendente coinvolto non è possibile agire per ottenere un diverso inquadramento. Non è ammissibile, infatti, neppure proporre un autonomo giudizio di accertamento per la disapplicazione dei provvedimenti dell’ente […]

Leggi tutto »


Dirigenti: le risorse del fondo non erogate costituiscono economie di bilancio

Le risorse destinate al finanziamento della retribuzione di risultato eventualmente non spese non possono essere riportate in aumento nel fondo dell’anno successivo. Questo il chiarimento fornito dall’Aran in una nota (Prot. 18248/2015) con cui ha risposto a un quesito presentato da un Comune in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 28 del Ccnl. 23 dicembre 1999, […]

Leggi tutto »


Assunzioni: mobilità solo per i dipendenti delle province

La Corte dei Conti, sez. Autonomie con la deliberazione n. 19 depositata il 16 giugno 2015 e pubblicata il 18 giugno 2015, ha confermato l’interpretazione restrittiva del comma 424 della legge 190/2014: per il 2015 e il 2016 agli enti locali è consentito indire bandi di procedure di mobilità riservate esclusivamente al personale soprannumerario degli […]

Leggi tutto »


Spese del personale: costi maggiori sono quelli delle Regioni e delle Province

La Corte dei Conti, sezione Autonomie, ha emanato il Referto su “La spesa per il personale degli enti territoriali” (Del. 16/2015), annunciando i risultati in un comunicato del 13 maggio 2015. Nel referto si analizza l’andamento della consistenza numerica delle spese per il personale delle Regioni, sia a statuto ordinario, che speciale, comprese le Province […]

Leggi tutto »


Aziende speciali: sono enti pubblici non economici?

Quando un’azienda speciale svolge per il comune un servizio senza il completo recupero dei relativi costi sull’utenza, la stessa non opera secondo un unico e rigoroso criterio di economicità e ciò connota, indubbiamente, l’azienda stessa come un ente pubblico non economico. E’ vero che in linea di principio un ente pubblico è di natura economica […]

Leggi tutto »