Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Contrattazione tardiva: è possibile erogare la produttività?


La produttività al personale può essere corrisposta anche se il contratto decentrato viene stipulato tardivamente, oltre l’anno di competenza, a condizione che sussistano tutti i requisiti sostanziali per l’erogazione dei compensi correlati alla performance.

Questo il chiarimento fornito dall’Aran con l’orientamento applicativo CFL17 del 30 ottobre 2018.

Come evidenziato dall’Aran, in diverse occasioni, in passato, la Corte dei Conti ha ritenuto che l’erogazione di compensi per produttività, in riferimento ad anni ormai decorsi, non fosse lecita per la mancanza delle condizioni oggettive che legittimano, a monte, tali emolumenti.

Tuttavia, di recente, la Corte dei Conti, sez. Friuli Venezia Giulia, con la deliberazione n. 29/2018 ha fornito ulteriori elementi che consentono di affrontare la problematica in modo parzialmente diverso.

La soluzione è strettamente dipendente dal significato e dall’effettivo oggetto del contratto integrativo decentrato.

In particolare, se il contratto integrativo decentrato opera nei limiti del suo ambito di riferimento, senza avere alcuna parte nell’individuazione degli obiettivi, nella determinazione del loro valore e del personale da coinvolgere, nella fissazione dei criteri di valutazione, le somme destinate ad incentivare la produttività possono comunque essere erogate anche se il contratto integrativo viene sottoscritto l’anno successivo, a condizione che:

  • sia stata effettuata la formale e definitiva costituzione del Fondo per la produttività nel corso dell’esercizio, in tutte le sue componenti, qualitative e quantitative;
  • sia intervenuta l’emissione della certificazione dell’organo di revisione;
  • sia avvenuta entro l’anno la tempestiva assegnazione degli obiettivi (singolari e/o collettivi) in modo che il personale dipendente all’uopo individuato abbia potuto dispiegare consapevolmente e proficuamente le proprie energie lavorative a favore dell’attività incentivata e nell’interesse finale dell’ente.

Richiedi informazioni