Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Toscana, del. n. 444 – Mobilità reciproca


Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di effettuare mobilità per interscambio tra dipendenti comunali in possesso del profilo professionale di agente di polizia municipale.

I magistrati contabili della Toscana, con la deliberazione 444/2015, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 21 ottobre, hanno ricordato che la mobilità “interscambio” o “compensativa”, disciplinata dall’articolo 7 D.P.C.M. n. 325/1988, si attua con lo “scambio” di dipendenti pubblici in possesso di un corrispondente profilo professionale o, comunque, che svolgano mansioni equivalenti, in presenza dell’accordo delle amministrazioni di appartenenza.

Tale istituto configura un’operazione neutrale qualora sia realizzato tra enti soggetti alle medesime limitazioni di spesa e rispettosi del patto di stabilità interno, senza che si determini alcuna alterazione della dotazione organica nelle amministrazioni interessate.

L’interscambio, inoltre, “deve avvenire entro un periodo di tempo congruo (contestualità) che consenta agli enti di non abbattere le spese di personale (derivanti dalla cessione del contratto del dipendente transitato in mobilità ad altro ente) qualora l’assunzione del dipendente in entrata slitti dal punto di vista temporale rischiando di traslarsi all’esercizio successivo” (Sez. Veneto del. 65/2013).

Infine, il personale soggetto ad interscambio non deve essere stato dichiarato in sovrannumero ai sensi dell’art. 33 del d.lgs. n. 165/2001 e dell’art. 2, commi 11, 12 e 13, del d.l. 95/2012.

In presenza di tali presupposti, secondo i magistrati contabili, l’ente potrà ricorrere a tale procedura in quanto la stessa non sottrae spazi utili alla ricollocazione del personale eccedentario di area vasta.

In ogni caso, come affermato dalla nota n. 20506 del 27 marzo 2015 adottata dal Dipartimento della Funzione Pubblica, rimane ferma la necessità che le amministrazioni coinvolte accertino l’assenza di controinteressati, nel rispetto dei principi di imparzialità e trasparenza.

Si segnala il ns. seminario di studi “Riforma della P.A.: i decreti attuativi” in programma a Firenze l’11 dicembre p.v.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Toscana del. n. 444-15


Richiedi informazioni