Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Autonomie, deliberazione n. 25 – Spese di personale effettivamente sostenute


I magistrati contabili della Sezione delle Autonomie, con la deliberazione 25/2014, pubblicata sul sito l’8 ottobre, hanno chiarito che, a seguito delle novità introdotte dall’articolo 1, comma 557 quater, della legge 296/2006, il contenimento della spesa di personale va assicurato rispetto al valore medio del triennio 2011/2013, prendendo in considerazione la spesa effettivamente sostenuta in tale periodo, senza cioè alcuna possibilità di ricorso a conteggi virtuali.

Non è dunque possibile includere figurativamente le quote di trattamento economico non corrisposte ai dipendenti per cause non programmabili (ad esempio, aspettativa per maternità).

Secondo i magistrati contabili tale interpretazione trova ulteriore conferma nel nuovo regime vincolistico delineato dal d.l. 90/2014.

Si segnala, in particolare, l’articolo 3, comma 5 bis, che ha introdotto il nuovo comma 557 quater all’articolo 1 della legge n. 296/2006.

Tale norma dispone testualmente che “ai fini dell’applicazione del comma 557, a decorrere dall’anno 2014 gli enti assicurano, nell’ambito della programmazione triennale dei fabbisogni di personale, il contenimento delle spese di personale con riferimento al valore medio del triennio precedente alla data di entrata in vigore della presente disposizione”.

In particolare, il riferimento al valore medio triennale – relativo al periodo 2011/2013 – in luogo del precedente parametro di raffronto annuale, avvalora la necessità di prendere in considerazione la spesa effettivamente sostenuta.

E’, dunque, da escludere la possibilità di ricorso a conteggi virtuali, che potrebbero alterare l’omogeneità della base di computo negli anni.

E’ stata, quindi, disattesa l’interpretazione fornita dalla Sezione Liguria nella deliberazione 27/2014 che si era orientata ad escludere dall’ambito applicativo del comma 557 tutte quelle situazioni contingenti e non controllabili dall’ente, comunque non determinanti un effetto espansivo permanente della spesa di personale.

Le problematiche connesse alla gestione del personale, anche alla luce dei recenti interventi di riforma della p.a. (d.l. 90/2014, convertito con legge 114/2014, d.l. 16/2014 e d.l. 34/2014), verranno trattate nel seminario “Riforma P.A.: la produttività e i vincoli assunzionali” in programma a Firenze il 30 ottobre 2014.

 


Richiedi informazioni