Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Liguria, deliberazione n. 52 – Abrogazione divieto reformatio in pejus: non si applica ai segretari in disponibilità


Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla corretta applicazione dell’articolo 1, comma 458, della legge 147/2013 che ha abolito il divieto di reformatio in pejus del trattamento economico dei pubblici dipendenti.

In particolare, l’ente ha chiesto se il segretario comunale in disponibilità, nominato in un ente di fascia immediatamente inferiore a quella di iscrizione, possa mantenere l’indennità di posizione prevista per la fascia di iscrizione.

I magistrati contabili della Liguria, con la deliberazione 52/2014, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 6 ottobre, hanno ricordato che la nuova disciplina dettata dalla legge di stabilità 2014 ha determinato l’abrogazione del cd. divieto di reformatio in peius, pertanto, non sussiste più per i dipendenti pubblici il diritto, riconosciuto per legge, di mantenere il trattamento economico più favorevole in caso di mutamento di “carriera”.

Sulla questione è intervenuto il Ministero dell’Interno, con la circolare n. 3636 del 9 giugno 2014, che ha ribadito che l’abolizione del divieto trova applicazione anche nei confronti dei segretari comunali e provinciali dal 1° gennaio 2014.

Pertanto, per i segretari perdura la regolamentazione prevista dalla normativa e dai contratti collettivi vigenti quantomeno sino alla nuova tornata contrattuale.

La mancanza di una norma precettiva impone infatti l’applicazione ai rapporti di lavoro delle regole espressamente previste dalla normativa e dalla contrattazione collettiva esistente, che rappresentano le uniche fonti di regolamentazione dei rapporti di lavoro in esame.

Nello specifico, per i segretari in disponibilità vige un’apposita regolamentazione contrattuale (articolo 19, comma 13, del d.p.r. 465/1997 e articolo 43 del Ccnl. 16 maggio 2001).

Ne consegue che il segretario in disponibilità, nominato in un ente di fascia inferiore a quella acquisita, mantiene l’indennità di posizione relativa alla fascia di iscrizione acquisita.

 


Richiedi informazioni