Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 1, comma 136, della legge 56/2014 che attiene all’importo delle indennità e dei gettoni erogabili agli amministratori locali.

I magistrati contabili della Lombardia, con la deliberazione 7/2017, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 9 febbraio, hanno richiamato l’orientamento espresso dalla Sezione Autonomie con la deliberazione n. 35/2016, secondo cui l’ente è tenuto ad assicurare l’invarianza secondo il criterio della “spesa storica” in relazione alle sole spese ascrivibili tra gli oneri connessi all’espletamento delle attività relative allo status di amministratore locale (con esclusione di quelli relativi ai permessi retribuiti, agli oneri previdenziali, assistenziali ed assicurativi).

Al contrario, l’ente potrà determinare l’indennità di funzione degli amministratori nella misura astrattamente prevista dalle norme vigenti.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Lombardia del. n. 7 – 17