Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Appalti: compete al RUP la cura del corretto e razionale svolgimento della procedura


Rientra nei compiti del RUP intervenire per fare in modo che il passaggio da una fase all’altra della procedura avvenga nei tempi giusti evitandone l’ingiustificata dilatazione con eccessivo differimento del momento in cui l’amministrazione può conseguire l’opera o il servizio dal privato.

Il responsabile unico del procedimento, pertanto, anche in assenza di riferimenti specifici nella normativa di gara, può imporre, di suo, un termine perentorio per la produzione della documentazione necessaria ai fini della stipula del contratto.

Ciò risponde, invero, alla finalità di evitare che la fase provvisoria si protragga indefinitamente.

Questo il principio ribadito dal Consiglio di Stato con la sentenza n. 738 del 5 febbraio 2018.

Nel caso di specie la stazione appaltante aveva indetto una procedura negoziata, ex art. 36, comma 2, del d.lgs. 50/2016, per l’affidamento di alcuni lavori di bonifica.

A seguito dell’aggiudicazione provvisoria, il RUP aveva richiesto al primo classificato di “inviare” la cauzione definitiva entro dieci giorni.

Scaduto infruttuosamente il termine assegnato, il RUP aveva disposto la revoca dell’aggiudicazione provvisoria disposta e la nuova aggiudicazione a favore della seconda classificata.

Come evidenziato dai giudici amministrativi, l’art. 31, comma 4, del d.lgs. 50/2016 prevede tra i compiti del RUP – Responsabile unico del procedimento, alla lett. c), la cura del “corretto e razionale svolgimento delle procedure”.

In particolare, la procedura si svolge in modo “razionale” se sviluppata mediante fasi logicamente correlate che conducono alla realizzazione dell’obiettivo perseguito (l’acquisizione dell’opera, del servizio o della fornitura).

Di conseguenza, rientra nei poteri del RUP imporre ai privati il compimento delle attività necessarie entro termini perentori (purché, sia chiaro, ragionevoli e congrui), anche per evitare l’indefinito protrarsi del momento della stipulazione del contratto.


Richiedi informazioni