Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Friuli, del. n. 15 – Consulta servizio idrico integrato: compensi amministratori


Il legale rappresentante della Consulta d’ambito per il servizio idrico integrato dell’ATO “Occidentale” ha chiesto un parere in merito spettanza di compensi (gettoni di presenza, indennità ed emolumenti) ai componenti del Consiglio di amministrazione per lo svolgimento di attività istituzionali.

I magistrati contabili del Friuli, con la deliberazione 15/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 25 febbraio, hanno evidenziato che il legislatore regionale, con la legge 18/2015, ha emanato una norma apparentemente contrastante con il principio di cui all’articolo 5, comma 7, del d.l. 78/2010.

Nel ribadire il generale divieto di erogare compensi di qualunque tipo agli amministratori di forme associative di enti locali aventi per oggetto la gestione di servizi e funzioni pubbliche, ha infatti escluso da tale divieto “consorzi e società”.

Secondo i magistrati contabili, la norma derogatoria di cui all’inciso “esclusi i consorzi e le società” contenuta nel quarto comma dell’articolo 42 della l.r. 18/2015 deve essere riferita ed è applicabile solo agli amministratori dei consorzi che non siano già amministratori di enti locali consorziati.

In conclusione, agli amministratori della Consulta d’ambito Occidentale che già siano amministratori di ente locale consorziato alla Consulta e che per tale loro veste percepiscano un compenso comunque determinato, non spetta alcuna retribuzione o indennità ulteriore per lo svolgimento della loro attività istituzionale presso la Consulta stessa, in ragione dei principi della onnicomprensività e della non duplicazione dei compensi.

Stante l’interesse generale dei temi trattati, che coinvolge anche aspetti concernenti la produzione legislativa regionale, i magistrati contabili hanno ritenuto opportuno trasmettere il presente motivato avviso anche alla Direzione Generale e alla Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme della Regione Friuli Venezia Giulia.

Si ricorda che le problematiche connesse alla gestione dei servizi e degli organismi partecipati dagli enti locali saranno oggetto del seminario di studi “Partecipate: cosa cambia col Decreto di Riforma Madia” in programma a Firenze il l’8 aprile 2016.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Friuli del. n. 15-16

 


Richiedi informazioni