Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Liguria, del. n. 66 – Restituzione delle somme Imu spettanti allo Stato


Un sindaco ha chiesto se il bilancio di previsione 2015 possa legittimamente essere approvato dal Consiglio Comunale, e se il Revisore dei conti e il Responsabile del servizio finanziario possano rilasciare il proprio parere positivo, considerato che lo sforamento del patto di stabilità è stato determinato dalla necessità di provvedere alla restituzione allo Stato dell’IMU alimentante il Fondo di solidarietà comunale 2014 erroneamente non trattenuta dall’Agenzia dell’entrate nel 2014.

I magistrati contabili della Liguria, con la deliberazione 66/2015, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 21 ottobre, hanno ricordato che il fondo di solidarietà comunale è alimentato prevalentemente da una quota dell’Imu di spettanza dei comuni, trattenuta direttamente alla fonte dall’Agenzia delle entrate all’atto del riversamento agli stessi delle somme pagate dai contribuenti con il modello F24.

Tuttavia, nel corso del 2014, l’Agenzia delle entrate non è riuscita a trattenere in tempo utile l’intero importo dovuto dai Comuni, facendo affluire nelle casse degli enti somme che, in realtà, avrebbero dovuto essere destinate al fondo di solidarietà comunale.

Ciò ha determinato lo “sfondamento” della previsione di entrata dell’IMU, da contabilizzarsi, a partire dall’anno 2014, al netto della quota spettante al fondo di solidarietà comunale in base all’articolo 6, del d.l. 16/2014.

Tali risorse, tuttavia, non sono nella disponibilità del comune in quanto devono essere rimborsate allo Stato.

L’obbligo di restituzione in favore dello Stato delle somme non trattenute alla fonte pesa negativamente sul patto di stabilità dell’anno 2015.

I magistrati contabili hanno quindi sollecitato un intervento del MEF finalizzato a risolvere il problema.

Nelle more dell’adozione di una soluzione mediante circolare ministeriale, l’ente potrà “sterilizzare” la spesa in uscita relativa alla restituzione delle somme Imu spettanti allo Stato.

A tal proposito i magistrati contabili hanno suggerito l’utilizzo dei Titoli, dell’entrata e della spesa, afferenti le partite di giro.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Liguria del. n. 66-15

 


Richiedi informazioni