Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Gare: è legittima l’offerta cumulativa, unica dal punto di vista sostanziale


Il principio di unicità dell’offerta deve ritenersi effettivamente violato nelle ipotesi in cui più offerte, o più proposte nell’ambito della medesima offerta, siano formulate in via alternativa o subordinata, in modo tale che la scelta ricadente su una di esse escluda necessariamente la praticabilità delle altre.

Lesione che non si verifica nel caso di offerta cumulativa, ossia di offerta che è la risultante della combinazione di più soluzioni tecniche e/o di più prodotti anche diversi, tutti congiuntamente proposti per un prezzo complessivamente unitario.

Questo il principio espresso dal Tar Toscana, sez. I, con la sentenza n. 1361.

Nel caso di specie una società aveva presentato, in sede di gara, una proposta di fornitura comprendente tre tipologie di prodotti, diversi per composizione e struttura, a un unico prezzo.

In materia di appalti pubblici vige il principio dell’unicità dell’offerta, che impone ai partecipanti alle gare di presentare un’unica proposta tecnica ed economica quale contenuto della propria offerta.

Ciò risponde non solo alla necessità di garantire l’effettiva par condicio dei concorrenti, ma soprattutto a quella di far emergere la migliore offerta nella gara.

La presentazione di un’offerta contrattuale che abbia ad oggetto più proposte alternative tra loro o subordinate l’una all’altra, infatti, attribuirebbe al concorrente che la presenta maggiori probabilità di aggiudicazione della gara rispetto agli altri concorrenti.

Come evidenziato dai giudici toscani, ben diverso è il caso dell’offerta cumulativa, in cui il candidato formula un’offerta unica dal punto di vista sostanziale, comprendente una gamma diversificata di prodotti (nel caso di specie protesi) costituenti l’oggetto dell’offerta, tutti congiuntamente proposti ad un unico prezzo.

L’offerta così formulata non è grado di creare squilibri all’interno del meccanismo concorrenziale, e solo in fase esecutiva (e non di comparazione delle offerte) la stazione appaltante potrà scegliere l’una o l’altra tipologia e misura sulla base delle concrete esigenze.

 


Richiedi informazioni