Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Sicilia, deliberazione n. 94 – Finanziamento comunitario e patto di stabilità


Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di escludere dal saldo finanziario di competenza mista, rilevante ai fini del patto di stabilità interno, un finanziamento comunitario soggetto restituzione.

I magistrati contabili della Sicilia, con la deliberazione 94/2015, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 18 febbraio, hanno ricordato che l’articolo 31, comma 10, della legge 183/2011 consente di non considerare nel saldo finanziario del patto “le risorse provenienti direttamente o indirettamente dall’Unione europea né le relative spese di parte corrente e in conto capitale sostenute dalle province e dai comuni”.

La norma risponde alla necessità di non ritardare l’attuazione di interventi realizzati in compartecipazione finanziaria con l’Unione Europea, scongiurando, in tal modo, il rischio disimpegno dei fondi non spesi.

Il legislatore, nel disciplinare tale fattispecie, ha fatto riferimento, genericamente, alle risorse provenienti direttamente o indirettamente dall’Unione Europea, senza distinguere se tali risorse siano contributi “a fondo perduto” o soggetti a restituzione.

 


Richiedi informazioni