Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Anac: pubblicati i bandi tipo per l’affidamento di lavori


L’Anac ha elaborato il primo modello (bando-tipo) per l’affidamento di lavori nei settori ordinari d’importo superiore a 150.000 euro, per i quali vige il sistema unico di qualificazione previsto dal d.p.r. 207/2010.

Il bando–tipo è stato predisposto allo scopo di:

  • guidare e semplificare la complessa attività di predisposizione della documentazione di gara da parte delle stazioni appaltanti;
  • ridurre il contenzioso connesso, soprattutto, in merito alle cause di esclusione che non trovano fondamento normativo nell’articolo 46, comma 1-bis, del Codice.

Il modello, predisposto a seguito della consultazione pubblica degli operatori del mercato e previa acquisizione del parere del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, consiste in una bozza di disciplinare di gara contenente le norme integrative del bando per l’affidamento degli appalti di sola esecuzione, da aggiudicarsi mediante la procedura aperta e con il criterio del prezzo più basso, ai sensi degli artt. 53, comma 2, lett. a), 54, comma 2, e 82 del Codice.

La bozza di disciplinare tiene conto delle modifiche normative apportate dal d.l. 47/2014, alle modalità di partecipazione in RTI e al sistema di qualificazione, mediante il rinvio alla nuova elencazione delle categorie di lavorazioni a qualificazione obbligatoria e categorie super-specialistiche prevista dalla citata norma.

E’ necessario rilevare che la bozza predisposta, pur richiamando le modifiche al Codice dei contratti contenute nell’articolo 39 del d.l. 90/2014, in materia di regolarizzazione degli elementi e delle dichiarazioni da rendere in sede di gara, nulla chiarisce in merito al problema interpretativo ad oggi più rilevante: quali siano le irregolarità “essenziali” (e, quindi, in base alla nuova disciplina, soggette a regolarizzazione) e quando le dichiarazioni possano considerarsi “non indispensabili”.

Tale distinzione risulta necessaria ai fini dell’applicazione della sanzione pecuniaria e del nuovo procedimento di integrazione e regolarizzazione successiva.

Per un approfondimento e aggiornamento professionalizzante in materia di procedure di gara, si segnala il seminario “Appalti: la gestione delle procedure alla luce del d.l. 90/2014” in programma a Firenze il 4 novembre 2014.

 

 


Richiedi informazioni