Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Lombardia, deliberazione n. 516 – Azienda speciale: vincoli e deroghe


Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 114, comma 5-bis, del d.lgs. 267/2000.

L’ente ha premesso di avere costituito, insieme ad altri comuni, un’azienda speciale consortile, denominata azienda territoriale per i servizi alla persona, per l’esercizio di attività, funzioni e servizi di competenza degli enti locali.

L’attività prevalente dell’azienda, circa l’85% del bilancio, è la gestione di servizi socio assistenziali e socio sanitari, quali centri diurni per disabili (servizi semi-residenziali), comunità socio sanitaria per persone con disabilità (servizi residenziali), coordinamento ETIM – equipe territoriale integrata minori, assistenza scolastica e domiciliare per persone con disabilità, assistenza alla comunicazione di persone con disabilità sensoriale, ufficio per la messa in esercizio delle unità di offerta sociali, servizio formazione alle autonomia per persone con disabilità, servizio integrazione lavorativa per persone con disabilità e fasce deboli, servizio affidi minori, spazio neutro minori, psicologia d’ambito per minori e famiglie, e altri progetti ed attività sociali rivolti a minori e famiglie, sportello assistenti famigliari.

L’attività secondaria, con circa il 15% del bilancio, è costituita dalla formazione professionale e orientamento al lavoro.

I magistrati contabili della Lombardia, con la deliberazione 516/2013 pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 5 dicembre, hanno chiarito che spetterà all’ente verificare, avuto riguardo alle norme statutarie e all’attività e ai servizi in concreto erogati alla cittadinanza, se all’azienda speciale consortile possa essere applicata la deroga prevista nell’ultimo capoverso del comma 5-bis dell’articolo 114 del Tuel.

Per un corretto inquadramento del regime derogatorio applicabile alle aziende speciali che gestiscono servizi socio-assistenziali, educativi, scolastici, per l’infanzia, culturali e farmacie, si rimanda al libro “L’azienda speciale e la gestione dei servizi comunali” – EDK Editore.

 


Richiedi informazioni