Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di procedere al riparto delle risorse di natura variabile dei fondi 2013-2015 dopo la fine dell’esercizio d’attinenza, anche in assenza della costituzione del fondo e della stipula del CCDI negli anni di riferimento.

I magistrati contabili del Molise, con la deliberazione /2017, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 25 luglio, hanno ribadito che l’effetto della mancata costituzione del Fondo è quello di far confluire nel risultato di amministrazione, vincolato, la sola quota del fondo obbligatoriamente prevista dalla contrattazione collettiva nazionale, ovvero la parte stabile.

Con la conseguenza che tutte le risorse di natura variabile ivi incluse quelle da “riportare a nuovo” vanno a costituire vere e proprie economie di spesa (sez. Veneto, del. n. 263/2016).

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Molise del. n. 161 – 17

Consulta il CICLO DI WORKSHOP in materia di PERSONALE