Un sindaco ha chiesto se la competenza a fissare il compenso spettante ai revisori sia del Consiglio Comunale.

I magistrati contabili del Veneto, con la deliberazione 355/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 16 settembre, hanno evidenziato che nonostante l’introduzione, da parte dell’articolo 16, comma 25 del d.l. n. 138/2011, del meccanismo dell’estrazione a sorte da apposito elenco a livello provinciale e tra soggetti in possesso di determinati requisiti, dei revisori degli enti locali, resta ferma la competenza del Consiglio comunale a deliberarne la nomina, nonché la fissazione del relativo compenso (nel rispetto dei limiti massimi prefissati dal decreto del Ministero dell’Interno del 20 maggio 2005 in relazione alla classe demografica ed alle spese di funzionamento e di investimento dell’Ente Locale, oggetto di aggiornamento triennale).

Leggi la deliberazione
cc-sez-controllo-veneto-del-n-355-16