Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di procedere al riconoscimento di un debito fuori bilancio derivante da un accordo concluso a seguito di una procedura di negoziazione assistita.

I magistrati contabili della Sicilia, con la deliberazione 164/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 6 settembre, hanno confermato il consolidato orientamento della magistratura contabile secondo cui l’accordo concluso a seguito di negoziazione assistita, al pari di ogni altro accordo transattivo, non essendo riconducibile alle ipotesi tassative di cui all’articolo 194 del Tuel non può costituire il titolo per il riconoscimento di un debito fuori bilancio.

Di conseguenza, gli oneri scaturenti dallo stesso, nella misura in cui siano prevedibili e determinabili dal debitore, devono essere contabilizzati secondo le ordinarie procedure di spesa.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Sicilia del. n. 164 -16