Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di derogare al tetto di spesa imposto dall’articolo 9, comma 28, del d.l. 78/2010 in materia di assunzioni per il lavoro flessibile, mediante disposizioni regolamentari finalizzate ad individuare un diverso parametro che rappresenti il limite di spesa anche per gli anni successivi, contenendo comunque la stessa, ma anche consentendo all’ente di assolvere a funzioni fondamentali, in assenza di altri possibili rimedi organizzativi e in presenza di una spesa del 2009 molto esigua e non adeguata.

L’ente ha premesso che il notevole flusso turistico determina la necessità di implementare le attività di controllo e vigilanza del territorio.

I magistrati contabili della Puglia, con la deliberazione 100/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 12 maggio, hanno ribadito l’inderogabilità dei limiti di spesa indicati dall’articolo 9, comma 28, del d.l. 78/2010 il quale, peraltro, non prevede alcuna deroga per fare fronte ad esigenze eccezionali o transitorie.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Puglia del. n. 100 -16