Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
 

Gare: l’omessa presentazione della domanda in alcuni casi non comporta l’esclusione

La mancata presentazione della domanda di partecipazione comporta l’esclusione esclusivamente nel caso in cui, con tale atto, si richiedano al concorrente dichiarazioni ulteriori, autocertificazioni, assunzioni unilaterali di obbligazioni. Al contrario, nel caso in cui la domanda di partecipazione abbia solo un contenuto afferente alla manifestazione di volontà del soggetto di partecipare alla gara, l’omessa presentazione […]

Leggi tutto »


SOA e concordato preventivo: i chiarimenti dell’Avcp

L’Avcp ha emanato la determinazione n. 3 del 23 aprile 2014 concernente “Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell’art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo a seguito dell’entrata in vigore dell’articolo 186-bis della legge fallimentare (concordato con continuità aziendale)”. Come noto, l’articolo 33, comma 2, […]

Leggi tutto »


Prepensionamenti enti locali: gli indirizzi operativi forniti dalla Funzione pubblica

Il Dipartimento della funzione pubblica, con la circolare 4/2014, ha fornito indirizzi applicativi sul ricorso all’istituito del prepensionamento che, nel quadro degli interventi di riduzione della spesa pubblica, potrebbe consentire una migliore allocazione del personale. Tale istituto si applica a tutte le amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del d.lgs. 165/2001, mentre non […]

Leggi tutto »


Il termine di stand still decorre dall’aggiudicazione

Il termine di stand still decorre dalla comunicazione dell’aggiudicazione definitiva, a prescindere dal fatto che la stessa non sia ancora efficace. Questo il principio chiarito dall’Avcp, nel parere del 20 marzo 2014, con il quale ha risposto ad un quesito proposto da un comune in merito alla corretta interpretazione del termine dilatorio di 35 giorni […]

Leggi tutto »


Revisione prezzi nei contratti di durata: inderogabile dovere della stazione appaltante

Il procedimento di revisione dei prezzi, una volta avviato su istanza di parte, deve essere concluso dall’amministrazione competente mediante l’adozione di un provvedimento espresso, di contenuto positivo o negativo, ampiamente motivato e soprattutto fondato su dati accertati, documentati e quindi non obiettivamente contestabili. Questo il principio ribadito dal Tar Lazio, Roma, sez. II, con la […]

Leggi tutto »


La certificazione di qualità è un requisito soggettivo speciale: inammissibile l’avvalimento

Non è possibile comprovare il certificato di qualità aziendale e di gestione ambientale richiesto dal bando di gara mediante avvalimento ex articolo 49 del codice dei contratti pubblici. Questo il principio espresso dal Consiglio di Stato, sez. III, con la sentenza n. 887 del 25 febbraio 2014, con la quale ha confermato la decisione del […]

Leggi tutto »


Contratto di avvalimento: la condizione sospensiva potestativa lo rende invalido

E’ invalido il contratto di avvalimento contenente una clausola che pone una condizione sospensiva potestativa in ordine al prodursi dei suoi effetti. Ciò in quanto fino all’avveramento della stessa non può esserci certezza dell’assunzione dell’impegno contenuto nel contratto e, conseguentemente non può dirsi provato il possesso effettivo da parte dell’impresa ausiliata del requisito di partecipazione […]

Leggi tutto »


Gare e concordato preventivo: contrasto in giurisprudenza

L’ammissione al concordato preventivo con continuità aziendale deve avvenire anteriormente alla conclusione della gara d’appalto. Questo il principio espresso dal Consiglio di Stato, sez. V, con la sentenza n. 101 del 14 gennaio 2014, con la quale ha confermato la decisione del Tar, secondo cui le modifiche alla legge fallimentare e all’articolo 38 del codice […]

Leggi tutto »


Acquisti fuori dal Mepa: se più convenienti legittimi anche per la Corte dei Conti

E’ possibile acquistare fuori dal Mepa qualora il ricorso all’esterno persegua la ratio di contenimento della spesa pubblica. Di tale specifica condizione dovrà esserne dato conto nella motivazione della determinazione a contrattare. Questo l’innovativo chiarimento fornito dalla Corte dei Conti, sez. contr. dell’Emilia-Romagna, nella deliberazione n. 286 depositata il 17 dicembre 2013 con la quale […]

Leggi tutto »