Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Appalti: subentro nell’aggiudicazione in caso di cessione di azienda e di trasformazione


In caso di cessione di azienda e di trasformazione di società, il cessionario può subentrare nella posizione di contraente, in luogo dell’originaria aggiudicataria, previo accertamento dei requisiti generali e speciali richiesti per la partecipazione alla gara.

Questo il principio espresso dall’Anac nel parere n. 422 del 2 maggio 2018.

Nel caso di specie l’aggiudicataria di una procedura negoziata aveva conferito ad altra società il ramo di azienda afferente le attività oggetto di gara.

Di conseguenza tutti i documenti richiesti dalla stazione appaltante ai fini della sottoscrizione del contratto erano stati resi dalla cessionaria.

Come evidenziato dall’Anac, l’articolo 106 del d.lgs. 50/2016, relativo alle modifiche dei  contratti, prevede espressamente  alcune ipotesi di variante soggettiva, in  particolare nel caso in cui  all’aggiudicatario iniziale subentri, anche a  seguito di ristrutturazioni  societarie, comprese rilevazioni, fusioni,  scissioni, acquisizione o  insolvenza, un altro operatore economico che soddisfi  i criteri di  selezione qualitativa stabiliti inizialmente, purché ciò non  implichi altre modifiche sostanziali al contratto e non sia finalizzato a eludere  l’applicazione del codice.

Tale norma, in deroga al generale principio della non modificabilità soggettiva dell’offerente, consente il subentro allo stesso di altro soggetto nella posizione di contraente o di partecipante ad una gara per l’aggiudicazione di un appalto pubblico in caso di cessione di azienda e di trasformazione di società (in tal senso Anac, parere n. 244/2017).

A tal fine è necessario che la cessione dell’azienda o gli atti di trasformazione, fusione o scissione della società, sulla cui base avviene il detto subentro, siano comunicati alla stazione appaltante e questa abbia verificato l’idoneità del subentrante e il possesso di tutti i requisiti richiesti per la partecipazione alla gara.

 


Richiedi informazioni