Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Appalti: pubblicato il decreto sui compensi dei componenti delle commissioni giudicatrici


È stato pubblicato sulla G.U. n. 88 del 16 aprile 2018 il D.M. 12 febbraio 2018 del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti recante “Determinazione della tariffa di iscrizione all’albo dei componenti delle commissioni giudicatrici e relativi compensi”.

Con la pubblicazione del DM si concretizza una tappa importante verso l’operatività dell’Albo nazionale dei commissari di gara, considerato che entro tre mesi l’Anac dovrà emanare ulteriori linee guida per disciplinare nel dettaglio:

  1. le procedure informatiche per garantire la casualità della scelta;
  2. le modalità per garantire la corrispondenza tra la richiesta di professionalità da parte della stazione appaltante e la sezione di riferimento dell’Albo;
  3. le modalità per garantire la rotazione degli esperti. Al riguardo rilevano il numero di incarichi effettivamente assegnati;
  4. le comunicazioni che devono intercorrere tra l’Autorità, stazioni appaltanti e i commissari di gara per la tenuta e l’aggiornamento dell’Albo;
  5. i termini del periodo transitorio da cui scatta l’obbligo del ricorso all’Albo.

La tariffa di iscrizione (annuale) all’albo sarà pari a 168,00 euro, con possibilità di rideterminazione a partire dal terzo anno.

I dipendenti pubblici che richiedono di svolgere la funzione di commissario di gara esclusivamente in favore dell’amministrazione di appartenenza non dovranno corrispondere tale tariffa e non potranno ricevere alcun compenso.

L’allegato al decreto individua i compensi lordi minimi e massimi spettanti ai singoli componenti, distinti sulla base dell’oggetto del contratto e dell’importo a base di gara, da aumentare del 5% per il commissario che svolge la funzione di presidente.

Spetterà alle stazioni appaltanti, all’interno dei limiti previsti, stabilire la misura del compenso spettante ai commissari in relazione alla complessità della procedura, al numero di lotti, al numero atteso di partecipanti, nonché l’entità dei rimborsi spese.


Richiedi informazioni