Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Sicilia, del. n. 2 – Copertura del costo dei servizi a domanda individuale


Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di escludere, con decorrenza dall’esercizio 2017, in sede di certificazione dei servizi a domanda individuale, il servizio asilo nido, in conformità a quanto statuito dall’articolo 8 del d. lgs. 65/2017.

I magistrati contabili della Sicilia con la deliberazione 2/2018, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 18 gennaio, hanno evidenziato che sebbene il d.lgs. 65/2017 prospetti un diverso computo dei servizi educativi per l’infanzia ai fini della copertura tariffaria dei costi dei servizi a domanda individuale, ad oggi il servizio asili nido non può essere escluso dalle certificazioni riguardati i servizi a domanda individuale.

La relazione illustrativa allo schema di d.lgs. (poi approvato al n. 65/17) parla di “esclusione, sempre progressiva e graduale, dei servizi educativi per l’infanzia dai servizi pubblici a domanda individuale”, collegata allo stanziamento di adeguate risorse anche da parte dello Stato, lasciando intravedere un percorso solo di medio termine.

A tal proposito, occorre ricordare che, ai sensi del vigente comma 8, lett. b), dell’art. 243 bis del Tuel, trova applicazione agli enti soggetti a procedura di riequilibrio finanziario pluriennale il comma 2 dell’art. 243 del d.lgs. 267/2000 il quale così recita: “gli enti locali strutturalmente deficitari sono soggetti ai controlli centrali in materia di copertura del costo di alcuni servizi. Tali controlli verificano mediante un’apposita certificazione che: a) il costo complessivo della gestione dei servizi a domanda individuale, riferito ai dati della competenza, sia stato coperto con i relativi proventi tariffari e contributi finalizzati in misura non inferiore al 36 per cento, a tale fine i costi di gestione degli asili nido sono calcolati al 50 per cento del loro ammontare”.

Leggi la deliberazione
CC Sez. Controllo Sicilia del. n. 2 -18


Richiedi informazioni