Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Sicilia, deliberazione n. 55 – Stabilizzazione personale precario


Un sindaco ha chiesto un parere in merito al corretto computo delle risorse assunzionali utilizzabili per la stabilizzazione di personale precario.

I magistrati contabili della Sicilia, con la deliberazione 55/2015, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 10 febbraio, hanno evidenziato che la procedura di stabilizzazione del personale precario costituisce in ogni caso una procedura di reclutamento che ha carattere speciale, volta a favorire la valorizzazione della professionalità acquisita dal personale a tempo determinato e, al tempo stesso, a ridurre il numero dei contratti a termine.

Proprio il carattere di specialità che contraddistingue la procedura di stabilizzazione regolamentata dall’articolo 4, comma 6, del d.l. 101/2013 non consente, se non espressamente previsto dal legislatore, di modificare la disciplina di carattere generale in materia di vincoli e di principi che concernono le assunzioni del personale (articolo 3 del d.l. 90/2014).

Pertanto, le risorse assunzionali dell’ente devono essere determinate, sulla base delle disposizioni di legge vigenti (articolo 3, commi 5 e 5 quater del d.l. 90/2014), e, conseguentemente, l’ente potrà procedere, nel rispetto di tutte le condizioni poste dall’articolo 4, comma 6 e degli ulteriori vincoli e limitazioni fissati in materia di assunzione del personale, all’avvio della procedura di stabilizzazione.

 


Richiedi informazioni