Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Lombardia, deliberazione n. 21 – Acquisto di opere “a scomputo”


Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 1, comma 138, della legge di stabilità 228/2012, nella parte in cui prevede che, a decorrere dal 1° gennaio 2014, gli enti territoriali possano effettuare operazioni di acquisto di immobili solo ove ne siano comprovate l’indispensabilità e l’indilazionabilità, attestate dal responsabile del procedimento.

In particolare, l’ente ha chiesto se rientri nella disciplina legislativa limitativa la convenzione urbanistica che preveda, a carico del privato la realizzazione di un’opera da destinare a uso pubblico.

L’ente ha chiesto inoltre se tale struttura possa essere oggetto di concessione o cessione alle associazioni cittadine a titolo gratuito o in diritto di superficie.

I magistrati contabili della Lombardia, con la deliberazione 21/2015, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 2 febbraio, hanno ribadito che la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria o secondaria costituisce un’ipotesi di realizzazione di un’opera pubblica a mezzo di contratto d’appalto.

Anche se l’ente acquisisce al patrimonio un’opera pubblica, e quindi un bene immobile, non si configura un contratto di compravendita.

Di conseguenza, non si applica la disciplina limitativa attualmente vigente (richiedente l’attestazione dell’indispensabilità e indilazionabilità dell’acquisto; la congruità del prezzo da parte dell’Agenzia del Demanio; la pubblicazione del soggetto alienante e del prezzo pattuito sul sito internet dell’ente).

In merito alla disciplina dei rapporti finanziari e patrimoniali fra l’Ente ed altri soggetti, pubblici o privati, i magistrati contabili hanno ribadito che non è rinvenibile alcuna disposizione che impedisca all’ente locale di effettuare attribuzioni patrimoniali a terzi, ove queste siano motivate dalla soddisfazione di esigenze della collettività rientranti nelle finalità perseguite dall’Ente (Corte dei conti, sez. contr. Lombardia, tra le altre, del. 262/2014).

 

 


Richiedi informazioni