Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Assunzioni enti locali: i chiarimenti della Funzione pubblica dopo la legge di stabilità 2015


La Funzione pubblica, con la circolare 1 del 30 gennaio 2015, ha fornito indicazioni operative sui nuovi vincoli assunzionali disciplinati nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014).

In particolare, il comma 424 della citata legge stabilisce espressamente, tra l’altro, che “le regioni e gli enti locali, per gli anni 2015 e 2016, destinano le risorse per le assunzioni a tempo indeterminato, nelle percentuali stabilite dalla normativa vigente, all’immissione nei ruoli dei vincitori di concorso pubblico collocati nelle proprie graduatorie vigenti o approvate alla data di entrata in vigore della presente legge e alla ricollocazione nei propri ruoli delle unità soprannumerarie destinatarie dei processi di mobilità”.

Pertanto, i comuni e le regioni dovranno destinare le quote del turn over per il 2015 e il 2016 (cessati 2014-2015) ad assumere i vincitori dei propri concorsi [vincitori, e non idonei, inseriti nelle proprie graduatorie] e alla ricollocazione del personale soprannumerario delle province e città metropolitane.

La funzione pubblica ha chiarito che tale vincolo si applica anche agli enti non sottoposti al patto nel rispetto del regime delle assunzioni previsto.

Inoltre, il dipartimento ha sostenuto che “agli enti locali non è consentito bandire nuovi concorsi a valere sui budget 2015-2016, né procedure di mobilità”.

Secondo il dipartimento, potranno essere concluse soltanto le procedure di mobilità volontaria avviate prima del 1° gennaio 2015 e, fintanto che non sarà implementata la piattaforma di incontro di domanda e offerta di mobilità presso il Dipartimento della funzione pubblica, gli enti potranno indire avvisi di “mobilità volontaria riservate esclusivamente al personale di ruolo degli enti di area vasta”.

Le uniche possibilità assunzionali che gli enti potranno utilizzare per assumere in deroga a tale vincolo riguardano le quote del turn over non utilizzate degli anni precedenti (2012-2013).

Si ricorda che un approfondimento sui chiarimenti forniti dalla Funzione pubblica verrà pubblicato sul numero speciale di UNIVERSOPA dedicato alla legge di stabilità 2015 e le problematiche in materia di personale saranno oggetto del seminario “Personale: le novità della legge di stabilità 2015” in programma a Firenze il 12 febbraio 2015

 


Richiedi informazioni