Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA e delle aziende
Entra in area riservata:
Entra in area riservata:
Agenzia Formativa
Qualità al servizio delle PA
e delle aziende

Concessioni spiagge: obbligo di assegnazione tramite gara


L’Antitrust con il parere AS975 del 9 agosto scorso, reso al comune di Roseto degli Abruzzi, ha ribadito l’orientamento secondo cui per l’attribuzione delle concessioni balneari serve l’asta pubblica.

L’Authority ha ricordato infatti che i diritti all’utilizzo del demanio marittimo devono essere assegnati con procedure concorsuali trasparenti e competitive.

Nel caso di specie il comune con una serie di delibere aveva rilasciato delle autorizzazioni all’utilizzo “di aree demaniali marittime contigue a quelle già asservite, in regime di concessione, ai concessionari richiedenti

Tale comportamento secondo l’Antitrust, ha posto in essere una limitazione della concorrenza poiché, senza ricorrere ad alcuna forma di selezione pubblica, trasparente e non discriminatoria, ha ampliato ingiustificatamente l’estensione delle aree demaniali marittime già oggetto di concessione a beneficio degli attuali concessionari istanti

Secondo l’orientamento costante dell’Autorità, in particolare, “l’esercizio della discrezionalità amministrativa nella scelta dei concessionari deve conformarsi ai principi comunitari della parità di trattamento, non discriminazione, trasparenza e proporzionalità”.

Secondo l’Antitrust, pertanto, la selezione del concessionario deve essere sempre informata a criteri oggettivi, trasparenti, non discriminatori e concludersi con un provvedimento adeguatamente motivato.

 

Pubblicato in Senza categoria

Richiedi informazioni