Danno erariale per tardiva conclusione del procedimento autorizzatorio

self enti locali corte dei conti controlli Il dirigente e i componenti della giunta che ritardano il procedimento amministrativo diretto al rilascio dell’autorizzazione a svolgere manifestazione fieristiche, così determinandone l’annullamento, rispondono delle somme di denaro corrisposte dall’amministrazione in conseguenza della domanda risarcitoria del privato.

Valle d’Aosta, del. n. 10 – Trasferimento dipendenti società partecipate a ente pubblico

Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di procedere al trasferimento automatico del personale dipendente della propria società in house, attualmente addetto al servizio di edilizia residenziale pubblica del comune, all’ente pubblico economico strumentale della Regione, l’Azienda regionale per l’edilizia residenziale (ARER), cui transiterà la gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica.

Valle d’Aosta, del. n. 7 – Cda partecipate: tempistiche di applicazione del d.lgs. 175/2016

La Regione ha chiesto un parere in merito alle tempistiche di adeguamento della composizione dei consigli di amministrazione delle società a controllo pubblico ai disposti del nuovo Testo Unico in materia di Società a Partecipazione Pubblica, contenuto nel d.lgs. 175/2016, modificato e integrato dal d.lgs. 100/2017.

Giur. Valle d’Aosta, sent. n. 14 – Danno erariale per illecito utilizzo contratti a termine

self enti locali corte dei conti controlli Risponde di danno erariale il direttore dell’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona che utilizza le forme di flessibilità del lavoro pubblico in violazione della norma comunitaria, nazionale e della contrattazione collettiva.

Valle d’Aosta, deliberazione n. 13 – Illegittima costituzione società c.d. “multiservizi”

Un sindaco ha chiesto un parere in merito al corretto inquadramento giuridico di una società, interamente partecipata dallo stesso comune, alla quale è affidata la gestione di numerosi servizi, quali “parcheggi, centro congressi, cinema, palazzetto dello sport, unitamente a servizi di rilevanza turistica del territorio, ospitalità, stakeholders, co-marketing, attività a supporto della comunicazione, gestione del portale turistico, organizzazione e gestione di eventi e manifestazioni”.

Valle d’Aosta, deliberazione n. 10 – Obblighi di carattere finanziario

Un sindaco ha chiesto un parere in merito all’applicabilità delle disposizioni di cui all’articolo 6 del d.l. 78/2010 agli enti locali della Valle d’Aosta.

Valle d’Aosta, deliberazione n. 8 – Affidamento diretto a società in house

Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di affidare alla società in house, che svolge servizi pubblici locali, ulteriori servizi, quali lo sgombero neve, la manutenzione delle piste pedonali e carrabili comunali, il servizio assistenza tributi, nel rispetto del vigente regolamento comunale in materia e del codice degli appalti.

Valle d’Aosta, deliberazione n. 7 – Correzione fatture gruppi consiliari

Il Presidente del Consiglio della Regione ha chiesto un parere in merito alla regolarità di alcune spese sostenute da un gruppo consiliare per l’acquisto di pagine sul giornale del partito politico di riferimento.

SOA e concordato preventivo: i chiarimenti dell’Avcp

L’Avcp ha emanato la determinazione n. 3 del 23 aprile 2014 concernente “Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell’art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo a seguito dell’entrata in vigore dell’articolo 186-bis della legge fallimentare (concordato con continuità aziendale)”. Come noto, l’articolo 33, comma 2, della legge 134/2012 ha sottratto l’istituto del concordato preventivo con continuità aziendale, di cui all’art. 186-bis della legge fallimentare, dalle cause che determinano l’esclusione dell’impresa dalla partecipazione alle procedure di affidamento dei contratti pubblici, nonché dalla stipula dei contratti anche di subappalto.

Legge Delrio: le novità in materia di città metropolitane, province, unione di comuni – II°

Province (commi 51-59; 65-68; 85-100) I° Parte Le province sono definite quali enti territoriali di area vasta. E’ altresì riconosciuta la specificità delle provincie montane, intendendosi per tali le province con territorio interamente montano e confinanti con Paesi stranieri.


Agenzia Formativa Accreditata - Codice PI0747
Via IV Novembre 57, 56028 San Miniato (PI)
Tel. 0571 418873, Fax 0571 1826507
info@self-entilocali.it - self@pec.self-entilocali.it

Tutti i diritti relativi ai documenti e alle informazioni pubblicate sul presente sito sono riservati. La copia dei documenti pubblicati o di parti di essi da parte di qualsiasi soggetto non autorizzato è proibita.

C.F. e P.IVA 02215860509

Informativa estesa sui Cookie