Conversione decreto milleproroghe: le novità per gli enti locali

E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 47 del 26 febbraio 2016, la legge n. 21/2016, di conversione del d.l. 210/2015, recante la proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Di seguito le principali novità per gli enti locali.

Sardegna, del. n. 10 – Compartecipazione per inserimento minore in Comunità in ambito penale

Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 6 della legge 328/2000 ai sensi del quale “I comuni sono titolari delle funzioni amministrative concernenti gli interventi sociali svolti a livello locale” e che, al comma 4, dispone che “Per i soggetti per i quali si renda necessario il ricovero stabile presso strutture residenziali, il comune nel quale essi hanno la residenza prima del ricovero, previamente informato, assume gli obblighi connessi all'eventuale integrazione economica”.

Affidamento servizi sociali e sanitari: le linee guida dell’Anac

self enti locali oiv L’Anac ha emanato la delibera n. 32 del 20 gennaio 2016 concernente “Linee guida per l’affidamento di servizi a enti del terzo settore e alle cooperative sociali”. L’Autorità ha fornito così chiare indicazioni alle p.a. in materia di affidamento di servizi sociali, richiamando le stesse al rispetto dei principi di trasparenza, concorrenza, economicità ed efficienza, sia nella fase della programmazione e co-progettazione che nella fase della scelta dell’erogatore del servizio. Il d.lgs. 112/2008 definisce i “servizi sociali” come il complesso delle attività relative alla predisposizione ed erogazione di servizi, gratuiti ed a pagamento, o di prestazioni economiche destinate a rimuovere e superare le situazioni di bisogno e di difficoltà che la persona umana incontra nel corso della sua vita, escluse soltanto quelle assicurate dal sistema previdenziale e da quello sanitario, nonché quelle assicurate in sede di amministrazione della giustizia.

Molise, del. n. 2 – Collocamento di un minore presso una comunità terapeutica

Un sindaco ha chiesto se la spesa derivante dal collocamento di un minore presso una comunità terapeutica disposto dal Tribunale per i minorenni debba essere sostenuta dalla famiglia di appartenenza, eventualmente con compartecipazione del Comune competente, ovvero esclusivamente dall’ente medesimo.

L’integrazione da parte del Comune delle rette di degenza dei ricoverati nelle ASP

Il comune è tenuto ad integrare le rette di degenza dei propri cittadini ricoverati in Aziende pubbliche di servizi alla persona (ASP) solo nel caso in cui le risorse dell’assistito siano insufficienti all’integrale copertura dei costi.

Cooperative sociali: illegittimo l’affidamento diretto di servizi diversi da quelli strumentali

E’ illegittimo l’affidamento diretto ad una cooperativa sociale di un servizio pubblico locale, quale quello di raccolta rifiuti o di igiene urbana. Questo il principio ribadito dal Tar Emilia-Romagna, con la sentenza n. 637 del 6 luglio 2015. L’art. 5 della legge 381/1991 prevede la possibilità, per le pubbliche amministrazioni, di derogare alla disciplina in materia di contratti per affidare, nei limiti del sottosoglia, forniture di beni e servizi a cooperative sociali al fine di realizzare, attraverso tali prestazioni, l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Tale norma, derogando ai principi generali di tutela della concorrenza che presiedono alla svolgimento delle procedure di gara, ha valenza eccezionale ed in quanto tale deve essere interpretata in maniera restrittiva.

Personale a tempo determinato nelle scuole comunali: i chiarimenti della FP

consorzio Il Dipartimento della Funzione pubblica, con la circolare n. 3 del 2 settembre 2015, ha fornito chiarimenti in ordine alla disciplina applicabile ai rapporti di lavoro a tempo determinato del personale delle scuole comunali, con particolare riferimento ai limiti di durata, alla luce delle recenti disposizioni legislative interventi legislativi introdotte dal d.lgs. 81/2015 e dalla legge 107/2015. La previgente disciplina, di cui all'articolo 10, comma 4-bis, del d.lgs. 368/2001, escludeva espressamente dal campo di applicazione del medesimo decreto "i contratti a tempo determinato stipulati per il conferimento delle supplenze del personale docente ed ATA". La ratio di tale esclusione risiedeva nella "necessità di garantire la costante erogazione del servizio scolastico ed educativo", strettamente connesso ai livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione ed educazione (articoli 33 e 34 della Costituzione) e caratterizzato da peculiari esigenze di flessibilità, dovuta a fenomeni come le oscillazioni demografiche, la migrazione scolastica e le variazioni nelle ...

Friuli, del. n. 100 – Integrazione rette ospiti ASP

Un sindaco ha chiesto se il Comune sia obbligato a integrare le rette di degenza dei propri cittadini ospiti delle aziende pubbliche di servizi alla persona (ASP) che risultino sprovvisti dei mezzi per farvi fronte direttamente.

Edilizia residenziale pubblica: eccezionalità della deroga alle graduatorie

L'edilizia residenziale pubblica è informata al principio concorsuale che prevede, in via assolutamente prioritaria, l'esperimento di una procedura comparativa, ed il conseguente accesso all'assegnazione in ordine di graduatoria. La deroga a detta procedura è ammessa unicamente in presenza di eccezionali circostanze che l'Amministrazione valuta nell'esercizio di un potere ampiamente discrezionale, ponderando con grande prudenza gli interessi coinvolti, trattandosi di misure che comportano il conferimento di una utilità in pregiudizio di altri soggetti meglio posizionati in graduatoria, e quindi, da ritenersi più svantaggiati.

Disabili: la corretta procedura a garanzia del diritto all’istruzione scolastica

L’assegnazione delle ore di sostegno allo studente disabile in condizioni di gravità deve tener conto della valutazione del suo stato psico-fisico e delle connesse esigenze finalizzate a garantire in concreto il diritto all'educazione, all'istruzione e integrazione scolastica.


Agenzia Formativa Accreditata - Codice PI0747
Via IV Novembre 57, 56028 San Miniato (PI)
Tel. 0571 418873, Fax 0571 1826507
info@self-entilocali.it - self@pec.self-entilocali.it

Tutti i diritti relativi ai documenti e alle informazioni pubblicate sul presente sito sono riservati. La copia dei documenti pubblicati o di parti di essi da parte di qualsiasi soggetto non autorizzato è proibita.

C.F. e P.IVA 02215860509

Informativa estesa sui Cookie