Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla corretta modalità di contabilizzazione di un’operazione di partenariato pubblico privato (cosiddetto “PPP”).

In particolare l’ente ha chiesto se un rapporto di partenariato pubblico privato nel quale è contemplato il pagamento di un canone in grado di ripagare l’investimento e gli interessi è da considerarsi un’operazione off balance sheet, neutra ai fini della contabilizzazione nel bilancio dell’ente e non rilevante ai fini degli equilibri di finanza pubblica.

I magistrati contabili della Lombardia, con la deliberazione 320/2017, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 22 novembre, hanno ribadito che laddove la realizzazione dell’opera, la sua disponibilità e la percezione delle sue utilità da parte dell’operatore economico corrispondano allo schema negoziale tipico del partenariato di cui all’articolo 180 del d.lgs. 50/2016, in particolare in relazione all’assunzione dei rischi da parte dell’operatore economico, il contratto non può essere qualificato in termini di indebitamento (Corte dei conti, sez. Autonomie, del. n. 15/2017).

Come evidenziato dai magistrati contabili, il presupposto necessario per la qualificazione del contratto in termini di partenariato pubblico privato ai sensi del d.lgs. 50/2016 è il trasferimento dei rischi in capo all’operatore economico.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Lombardia del. n. 320 – 17