Il Presidente della Provincia ha chiesto un parere in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 23, comma 2, del d.lgs. 75/2017 secondo cui, a decorrere dal 1° gennaio 2017, l’ammontare complessivo delle risorse destinate annualmente al trattamento accessorio del personale, anche di livello dirigenziale, di ciascuna delle amministrazioni pubbliche non può superare il corrispondente importo determinato per l’anno 2016.

I magistrati contabili della Puglia, con la deliberazione 132/2017, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 9 novembre, hanno evidenziato che il vincolo al trattamento accessorio fissato dalla norma appare meno stringente rispetto alla previgente disciplina poiché non è più prevista la decurtazione degli importi tenendo conto della diminuzione del personale in servizio.

Relativamente alle modalità di quantificazione della diminuzione delle risorse destinate annualmente al trattamento accessorio del personale in misura proporzionale alla riduzione del personale in servizio e vigente sino all’esercizio 2016 (rimesse esclusivamente alle valutazioni dell’ente) si fronteggiano due diverse interpretazioni.

Un primo orientamento, seguito dalla Ragioneria generale dello Stato nelle circolari n. 12/2011 e n. 16/2012 e n. 12/2016, è fondato sulla media dei dipendenti in servizio dal 1° gennaio al 31 dicembre.

mentre un’altra interpretazione si basa sulla rilevazione delle effettive presenze in organico nel periodo di tempo considerato (1 gennaio – 31 dicembre).

A tale interpretazione, si contrappone quanto espresso prevalentemente, in funzione consultiva, dalla Corte dei conti, secondo cui la riduzione si applica in rapporto ai mutamenti delle erogazioni finanziarie e non della media del personale astrattamente considerata (Corte dei conti, sez. Puglia, del. n. 87/2014 e n. 64/2015; sez. Lombardia, del. n. 287/2012 e n. 7/2014; sez. Umbria, del. n. 2/2017).

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Puglia del. n. 132 – 17

SELF segnala il seminario di studi “La corretta gestione del fondo incentivante e le novità in materia di performance” in programma a Firenze il 24 novembre p.v.