Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di escludere dal tetto di spesa previsto per il trattamento accessorio del personale la spesa per la previdenza integrativa della Polizia Municipale.

I magistrati contabili del Veneto, con la deliberazione 503/2017, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 25 settembre, hanno confermato l’interpretazione fornita con la deliberazione n. 203/2013 secondo cui le risorse destinate al finanziamento della previdenza integrativa per il personale della polizia municipale, rinvenienti dal monte sanzioni amministrative ex articolo 208 C.d.S., non hanno natura retributiva e dunque non devono ritenersi assoggettate al limite previsto per il trattamento accessorio.

Tale interpretazione, secondo i magistrati contabili, non risulta disattesa né “superata” dalla deliberazione n. 7/2017 della Sezione Autonomie.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Veneto del. n. 503 – 17

Si segnalano i ns. seminari di studio in materia di personale – consulta l’offerta