self enti locali pubblicizzare

Il sorteggio delle imprese che parteciperanno alla procedura negoziata deve avvenire in un’apposita seduta pubblica, alla quale possono assistere i rappresentanti di tutte le imprese che hanno presentato la domanda di partecipazione, ma con modalità tali da non far conoscere ai presenti le imprese sorteggiate.

Questo il principio ribadito dal Tar Basilicata con la sentenza n. 252 del 22 marzo 2017.

Nel caso di specie la stazione appaltante aveva pubblicato un Avviso di indagine di mercato specificando che, nel caso di presentazione di un numero maggiore di 15 manifestazioni di interesse,

avrebbe proceduto alla selezione delle imprese da inviate alla presenza di due testimoni e del Responsabile per la Prevenzione della Corruzione dell’ente, “al fine di garantire la libertà di partecipazione e nel contempo evitare condizionamenti della gara (conoscenza delle imprese partecipanti e rimaste in gara)”.

Come evidenziato dai giudici amministrativi, le indicazioni su come effettuare il sorteggio sono state fornite dall’Anac nelle linee guida n. 4 sugli affidamenti sotto soglia: le stazioni appaltanti devono pubblicizzare la data ed il luogo in cui sarà effettuato il sorteggio pubblico (direttamente nell’Avviso di indagine di mercato oppure con qualche giorno di anticipo nel sito internet) e, contemporaneamente, adottare gli opportuni accorgimenti affinché i nominativi degli operatori economici selezionati tramite sorteggio non vengano resi noti, né siano accessibili, prima della scadenza del termine di presentazione delle offerte (al fine di evitare eventuali cartelli e/o alterazioni della leale concorrenza).

Pertanto, rilevata l’illegittimità dell’operato della stazione appaltante (che non aveva consentito la presenza dei rappresentanti delle imprese partecipanti, come attestato dal verbale di sorteggio), i giudici amministrativi hanno annullato la gara disponendo la ripetizione dell’intero procedimento e non solo del sorteggio.

Indicazioni concettuali ed operative per la corretta gestione delle procedure di gara, anche alla luce delle novità apportate dal Decreto correttivo di prossima emanazione, saranno fornite nei seminari: