I magistrati contabili della sezione delle Autonomie, con la deliberazione 3/2017, pubblicata sul sito il 9 febbraio, hanno chiarito che i vincoli di destinazione delle entrate e delle spese devono necessariamente derivare o dalla legge (statale o regionale) o da trasferimenti o da prestiti.

Pertanto, può riconoscersi natura vincolata alla gestione delle entrate e delle spese concernenti il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti a decorrere dall’entrata in vigore della legge che la prevede, ovvero dalla ricorrenza dei presupposti normativi che ne consentano l’individuazione.

Rientrano nella competenza dell’organo straordinario di liquidazione degli enti in stato di dissesto i debiti fuori bilancio che, pur attenendo al servizio indispensabile per il quale la legge prevede una gestione vincolata, non siano stati ricompresi nell’ambito di quest’ultima o non abbiano trovato adeguata copertura.

La questione di massima era stata alla Sezione Autonomie dalla sezione regionale di controllo per la Sicilia con deliberazione n. 176/2016.

Leggi la deliberazione
CC Sez. Autonomie del. n. 3 – 17