self enti locali pubblicizzare

L’articolo 73 del d.lgs. 50/2016, contenente le indicazioni relative alle modalità di pubblicazione a livello nazionale, prevede che siano pubblicati nella Gazzetta Ufficiale i bandi e gli avvisi di gara, ma non anche i capitolati.

Pertanto, qualora la stazione appaltante apporti delle modifiche al capitolato d’oneri, è sufficiente che pubblichi sul proprio sito un avviso di errata corrige.

Questo il principio espresso dal Tar Lazio, Roma, con la sentenza n. 742 del17 gennaio 2017, con la quale è stato respinto il ricorso proposto da un operatore economico che aveva contestato l’illegittimità della modifica apportata sul capitolato, in quanto non pubblicata nella Gazzetta Ufficiale.

A tal proposito di evidenzia che le modifiche alla disciplina di gara richiedono, per ragioni di coerenza normativa, l’impiego di un identico sistema di pubblicizzazione.

Di conseguenza, considerato che il Capitolato d’oneri deve essere correttamente pubblicato sul sito informatico del committente, sullo stesso sito informatico deve essere pubblicata l’errata corrige riferita al medesimo Capitolato.

Allo stesso modo, nel caso in cui sia necessario apportare delle modifiche al bando di gara inizialmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, è necessario fare ricorso alle medesime modalità di pubblicazione per le rettifiche (Consiglio di Stato, sentenza n. 4916/2016).