Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 19 del d.lgs. 175/2016, in particolare sulla possibilità di derogare, in sede di adozione dell’atto di indirizzo, all’obbligo di contenimento delle assunzioni di personale nelle partecipate, in ragione della necessità di ampliare i servizi svolti dal soggetto societario.

I magistrati contabili dell’Abruzzo, con la deliberazione 252/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 29 dicembre, hanno evidenziato che l’articolo 19 del d.lgs. 175/2016, diversamente dalla precedente formulazione contenuta nell’articolo 4, comma 12-bis del d.l. 66/2014, non contiene alcun riferimento al settore di operatività del soggetto societario.

Di conseguenza, a differenza di come avveniva in passato, l’ente locale partecipante, nel rispettivo atto di indirizzo, non può più prendere in considerazione il settore di operatività del soggetto societario ai fini di eventuali “deroghe” ai vincoli in materia di assunzione di personale (in tal senso Corte dei Conti Toscana, del. n. 1/2015).

Come evidenziato dai magistrati contabili, il Testo Unico delle Società partecipate (ad oggi in vigore nonostante la declaratoria di incostituzionalità della rispettiva delega legislativa, alla luce della recente sentenza della Corte costituzionale n. 251/2016) ha rafforzato in senso ancor più rigoroso i divieti e le limitazioni in materia di personale nonché dei doveri contenimento dei relativi costi facenti capo alla p.a.

A tal proposito l’articolo 25 del d.lgs. 175/2016 prevede, fino al 30.06.2018, il divieto di procedere ad assunzioni a tempo indeterminato se non attingendo agli elenchi dei lavoratori dichiarati eccedenti, formati e gestiti dalle regioni, fatto salvo il caso in cui sia indispensabile personale con profilo infungibile inerente a specifiche competenze e lo stesso non sia disponibile.

SELF segnala il seminario di Studi “Società: le scadenze e gli adempimenti dopo il d.lgs.175/2016” in programma il 27 gennaio 2017.

Leggi la deliberazione
cc-sez-controllo-abruzzo-del-n-252-16