Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di concorrere al finanziamento della nuova posizione organizzativa attribuita ad un proprio dipendente nominato titolare della P.O. in un’Unione di comuni.

I magistrati contabili del Piemonte, con la deliberazione 138/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 2 dicembre, hanno chiarito l’ente è tenuto a garantire l’invarianza della spesa per il trattamento accessorio del personale nel rispetto del vincolo imposto dall’articolo 1 comma 236 della Legge di stabilità 2016 (legge 208/2015).

Quanto al concorso al finanziamento mediante riduzione del fondo delle risorse decentrate, i magistrati contabili hanno rammentato, in linea generale, che nell’ambito delle fonti di finanziamento utilizzabili da parte dell’ente, resta esclusa in ogni caso la possibilità di utilizzare risorse aventi natura variabile per il finanziamento di istituti aventi carattere di stabilità.

SELF segnala il seminario di studi “La gestione del personale: la valorizzazione e il controllo” in programma a Firenze il 17 febbraio 2017.

Leggi la deliberazione
cc-sez-controllo-piemonte-del-n-138-16