Il Presidente del Consiglio regionale ha chiesto un parere in merito alla spesa per il personale in servizio presso gli uffici di diretta collaborazione e supporto alle strutture politiche e dei gruppi regionali chiedendo se il personale dipendente degli enti o società interamente controllate o partecipate dalla Regione sia da ritenersi dipendente dello stesso Ente, senza gravare sulla voce di spesa relativa ai contratti per il personale esterno all’amministrazione del Consiglio regionale.

I magistrati contabili della Campania, con la deliberazione 345/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 28 novembre, hanno evidenziato che in base alla legge di stabilità regionale (l. r. Campania n. 1/2016), nonostante la gestione del personale del Consiglio avvenga in maniera separata rispetto a quello della Regione, essendo il Consiglio, da un punto di vista contabile, dotato di un bilancio a sé, finanziato tramite un’apposita U.P.B. del bilancio regionale, che gli consente una autonoma organizzazione contabile-amministrativa, lo stesso deve tuttavia essere considerato personale della Regione e, come tale, soggetto a tutte le limitazioni imposte dalle normative in materia.

Leggi la deliberazione
cc-sez-controllo-campania-del-n-345-16