Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla corretta applicazione dell’articolo 4, commi 4 e 5, del d.l. 95/2012, disciplinanti il tetto imposto dal legislatore statale sui compensi degli amministratori delle società controllate direttamente o indirettamente da pubbliche amministrazioni.

I magistrati contabili dell’Emilia, con la deliberazione 95/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 27 ottobre, hanno evidenziato che il comma 4 dell’articolo 4 del d.l. 95/2012 è stato recentemente modificato dal d.lgs. 175/2016 recante il t.u. in materia di società a partecipazione pubblica.

Il testo vigente del comma 4, dell’art. 4, d.l. n. 95/2012[1], prevede che “A decorrere dal 1° gennaio 2015, il costo annuale sostenuto per i compensi degli amministratori di tali società [società controllate direttamente o indirettamente dalle amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del d. lgs. n. 165/2001, che abbiano conseguito nell’anno 2011 un fatturato da prestazioni di servizi a favore di amministrazioni pubbliche superiore al 90 per cento dell’intero fatturato] ivi compresa la remunerazione di quelli investiti di particolari cariche, non può superare l’80 per cento del costo complessivamente sostenuto nell’anno 2013”.

Il successivo comma 5 aggiunge che “A tali società [società a partecipazione pubblica diretta o indiretta] si applica quanto previsto dal secondo [ora unico] periodo del comma 4”.

Come evidenziato dai magistrati contabili, il taglio previsto dal legislatore deve essere considerato tassativo e si pone su un piano diverso dalla prevista opera di complessiva razionalizzazione delle partecipazioni societarie in mano pubblica.

Ne consegue che un’opera di razionalizzazione delle partecipazioni posta in essere da un ente pubblico, per quanto efficace, non esclude comunque l’obbligo di ottemperare alla disposizione di cui all’articolo 4, commi 4 e 5, del d.l. 95/2012.

Si segnala il ns. seminario “Società: le scadenze e gli adempimenti dopo il d.lgs.175/2016” in programma a Firenze il 27 gennaio 2017.

Leggi la deliberazione
cc-sez-controllo-emilia-romagna-del-n-95-16