Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di concedere il patrocinio, nonché erogare un contributo, per una mostra culturale/artistica organizzata da una fondazione senza fini di lucro.

I magistrati contabili del Piemonte, con la deliberazione 77/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 6 luglio, hanno ribadito che una contribuzione pubblica può qualificarsi come spesa di sponsorizzazione, come tale incorrente nel divieto di cui all’articolo 6, comma 9, del d.l. 78/2010, quando presuppone la semplice finalità di segnalare ai cittadini la presenza dell’ente pubblico, così da promuoverne l’immagine.

Non si configura, invece, quale sponsorizzazione il sostegno di iniziative di un soggetto terzo, riconducibili ai fini istituzionali dello stesso ente pubblico.

L’attività, dunque, che rientra nelle competenze dell’ente locale e viene esercitata, in via mediata, da soggetti privati destinatari di risorse pubbliche, piuttosto che, direttamente, da parte di Comuni e Province, costituisce una modalità alternativa di erogazione del servizio pubblico e non una forma di promozione dell’immagine dell’amministrazione.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Piemonte del. n. 77 -16