Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di escludere dai limiti imposti all’utilizzo del lavoro flessibile, di cui all’articolo 9, comma 28 del d.l. 78/2010, le spese sostenute per lo svolgimento di attività lavorativa retribuita tramite voucher.

I magistrati contabili della Liguria, con la deliberazione 53/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 23 maggio, hanno ribadito che gli enti virtuosi (ovvero che rispettano la riduzione della spesa di personale ex commi 557 e 562 della legge n. 296 del 2006), seppur esclusi dall’applicazione del limite del 50%, ricadono inevitabilmente in quello del 100% della spesa sostenuta nel 2009.

Tale limite non è superabile, anche perché sarebbe incongruo, in un periodo in cui il Paese è fortemente impegnato sul fronte del risanamento della finanza pubblica, favorire l’incremento incontrollato della sola spesa di personale per lavoro flessibile, nel contesto dell’obbligo generale di ridurre le altre voci di bilancio afferenti alla spesa complessiva di personale.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Liguria del. n. 53 -16