Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di acquistare carburante per autotrazione al di fuori della convenzione CONSIP.

I magistrati contabili del Friuli, con la deliberazione 35/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 6 aprile, hanno ricostruito il quadro normativo concernente i mercati elettronici per il rifornimento di beni, servizi, forniture da parte delle pp.aa.

L’articolo 1, comma 7, del d.l. 95/2012 prevede,  per tutte le pubbliche amministrazioni, l’obbligo di ricorso alle convenzioni CONSIP per alcune tipologie merceologiche di beni (energia elettrica, gas, carburanti rete e carburanti extra-rete, combustibili per riscaldamento, telefonia fissa e telefonia mobile), disponendo altresì che i contratti stipulati in violazione di tali previsioni sono nulli e costituiscono illecito disciplinare e contabile, cui corrisponde quindi un’ipotesi tipica di responsabilità amministrativa.

La legge di stabilità 2016 ha provveduto a disciplinare meglio le fattispecie di acquisti in deroga alle convenzioni Consip, o dalle altre centrali di committenza regionale, sia nel caso di mancanza di caratteristiche essenziali del bene o servizio richiesto dalla p.a. (articolo 1, comma 510), che, più specificamente, nel caso di acquisto di carburanti ed altre specifiche tipologie merceologiche (articolo 1, comma 494).

I particolare, l’articolo 1, comma 494, consente di effettuare affidamenti al di fuori del regime Consip e delle altre Centrali di committenza regionale per talune categorie merceologiche, tra cui i carburanti a condizione che:

1) siano seguite procedure a evidenza pubblica;

2) siano applicati sconti almeno pari al 3% sul prezzo dei carburanti rispetto a quello fissato da Consip o da altre centrali di committenza regionale;

3) siano trasmesse all’Anac i contratti stipulati in deroga;

4) nei contratti sia prevista una condizione risolutiva che consenta al contraente di adeguare i corrispettivi nel caso di intervenuta disponibilità di convenzioni Consip e delle centrali di committenza regionali a condizioni di maggior vantaggio economico in percentuale superiore al 10% rispetto ai contratti già stipulati).

Si segnala il seminario di studi “Nuovo Codice Appalti: le novità punto per punto” in programma il 17 maggio 2016 a Firenze.

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Friuli Venezia Giulia del. n. 35-16