Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla possibilità di erogare un contributo straordinario ad una fondazione che gestisce una scuola dell’infanzia privata che necessita di interventi di messa in sicurezza degli impianti e di ristrutturazione.

I magistrati contabili della Lombardia, con la deliberazione 81/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 5 aprile, pur dichiarando inammissibile il quesito posto hanno ribadito che non sussiste alcuno specifico obbligo di contribuzione a carico dello Stato e degli enti territoriali a favore di scuole istituite da privati anche quando abbiano ottenuto il riconoscimento della parità.

Il che non esclude tuttavia che tali enti, nell’esercizio della propria discrezionalità, possano decidere di corrispondere finanziamenti a soggetti privati, compresi quelli che gestiscono scuole paritarie, nella misura in cui questo sia ritenuto necessario al perseguimento delle proprie finalità istituzionali (Lombardia, del. n. 121/2015).

Leggi la deliberazione
CC Sez. controllo Lombardia del. n. 81-16